Agenda Uni Sarini 10/04/2022 : Vuoi mantenere questo conciso

Dalla mia diagnosi di ASD, sono stato riempito di molte cose. Molte idee. Molte epifanie e scoperte di sé. Un sacco di sentimenti complicati. Un senso di chiusura in alcune circostanze, un senso di confusione, un senso di rabbia, un senso di pace generale. È come dove mi aspettavo che le cose finissero, è solo un nuovo inizio se questo ha senso.

Ho pensato, il 23/3/22, ricevere la diagnosi di ASD avrebbe effettivamente ribaltato la prospettiva e l’atteggiamento di questo diario. Tipo, ok….”questo non è più un trauma o un diario di ‘epurazione'”.

E ora vedo che non è del tutto vero.

Questo è ancora molto un trauma o un diario di eliminazione… ma solo con un focus aggiuntivo. C’è un cambiamento molto tangibile che posso sentire semplicemente scrivendo questo. Semplicemente sfoglio delicatamente le mie voci passate e sì, rabbrividisco, o ricordo cose, o sento cose, elaboro cose, capisco cose, rilascio cose. Ma non mi pento mai di nulla di eccezionale – significa che sto usando questa dannata cosa correttamente.

Tuttavia, idk …. potrei usarlo per delineare i miei pensieri e ulteriori momenti eureka riguardo all’ASD. Ad esempio, se l’avessi menzionato nel mio intervento precedente ma… ho scoperto o meglio, capito che il mio prozio materno – uno degli zii che in realtà ha abusato sessualmente di mia madre – era autistico. Era conosciuto come “strano” “strano” in famiglia. Non gli piaceva che le sue mani venissero toccate. Ogni volta che parlava con qualcuno, parlava a voce molto alta, si lavava solo con acqua fredda, era un fanatico di Bruce Lee. Indossava solo alcuni tessuti. Abitudini alimentari peculiari. Probabilmente più cose ma non oserei chiedere a mia madre. Non sono nemmeno curioso. Ironico che l’archetipo dello “zio molestatore raccapricciante” nella mia famiglia fosse autistico, ma è quello che è come direbbe mia madre. Lo sto scrivendo perché non posso dirlo da nessun’altra parte.

Questa realizzazione è del tutto amara, non dolce. Questo zio è morto alcuni anni fa con poca o nessuna vera comprensione da parte della sua famiglia delle sue condizioni. Era semplicemente “strano”, o un “pazzo” come direbbe mia nonna. Morì di sospetta appendicite nel suo letto, poiché nutriva una generale sfiducia e odio per i medici. Il giorno della sua morte è stato il primo e unico giorno in cui ha perso il lavoro. Lo so perché il mio patrigno lo ha affermato poiché lavorano all’interno della stessa azienda.

Ora capisco e sospetto che i miei cugini paterni siano nello spettro. Due ragazzi – il più giovane ossessionato da anime e videogiochi, noto per dire cose “raccapriccianti” e “maleducate” per gli altri membri della famiglia. Socialmente imbarazzante. Non ho mai avuto una ragazza. Fluente in altre due lingue, le ho imparate con facilità. Dovrebbe avere tra i vent’anni e la metà, ma preferisce ancora o ha bisogno di fare cose con sua madre. Vanno ancora a fare la spesa insieme ecc. Questo, non lo vedo particolarmente strano (forse perché amo mia madre), ma altri in famiglia sì. “Si comporta come un ragazzino.” “Esci da sotto tua madre”, “Cresci” ecc.

Mio padre non ne parlava mai in alcun modo se non normalmente o in modo sprezzante, anche se era ovvio per il resto di noi che qualcosa era “diverso” in loro. Diverso non è male. Era semplicemente ovvio che non erano neurotipici. Ma ovviamente nelle famiglie nere, per qualche ragione, non si abbraccia o si cerca nemmeno di capire quella “differenza”. Mio fratello che è morto nel sonno – aveva una paralisi cerebrale – è stato un imbarazzo per mio padre. Mia madre lo ha affermato così tante volte, posso sentire la sua voce dirlo mentre lo scrivo.

Vorrei poter parlare con i miei cugini e fare domande. Io, ovviamente, non intendo alcun male. So per certo che sembrerebbe strano da parte mia spuntare dal nulla senza alcun contatto per eoni e fare alcune domande che potrebbero non riguardarli nemmeno, lo sai. Ma idk, tutto ciò che ho imparato sull’ASD negli ultimi due mesi oltre a identificare alcune cose nelle mie esperienze da bambino, adolescente e adulto, sento che sarebbero in grado di capire. Forse non sanno nemmeno che potrebbero avere loro stessi ASD?

Ad ogni modo, capisco anche che quando a uno viene diagnosticato un ASD, all’improvviso, anche tutti intorno a loro “ce l’hanno”. Forse mi sto solo proiettando sui miei due cugini paterni. So per certo che non sono su mio zio materno. Lo so per certo.

L’ho detto a mia madre, ovviamente, subito dopo essere uscita dall’ufficio con la mia lettera di diagnosi e… idk, ero molto sopraffatta dall’emozione. Ho avuto così tanti sentimenti complicati ma, soprattutto, mi sento grato. Tutta la rabbia che normalmente avrei avuto nei confronti di mia madre in alcuni casi è semplicemente scomparsa perché… tutti i ricordi di lei che aiutava con i miei “problemi con le persone” li hanno sostituiti. Io “trattando” con le persone. Io che odio le persone. La battaglia del contatto visivo. Le strette di mano del colloquio di lavoro. Il “linguaggio del corpo non verbale” Le conversazioni “fingi finché non ce la fai”. Il tono delle mie email. Le domande incessanti su cosa dire e come dirlo. eccetera.

Lei era sempre lì. Sì, ci sono state volte in cui si è arrabbiata con me, ma è sempre stata lì. Ho questo attaccamento molto forte agli animali, principalmente ai gatti, sai, per tutta la mia vita e ha spaventato il resto della mia famiglia, ma mia madre mi ha capito e coltivato questo e mi avrebbe difeso in qualche modo. mio padre? Non così tanto. La mia diagnosi ha cementato nel mio cervello che mio padre era un genitore molto inutile e assente. Emotivamente non disponibile, nessuna comprensione. Si mette una facciata quando viene a casa. “Dove sono i miei figli? Dove sono le mie figlie? Mi mancano.”

È una persona che non avrebbe mai dovuto avere figli perché semplicemente non sa come fare i genitori. È troppo egoista e distratto. Sento che mostra amore solo per nascondere la verità: che non gli importa di noi. Comunque non in modo oggettivo. Siamo solo giocattoli nel petto che tira fuori quando è annoiato o ha bisogno di mettere in scena uno spettacolo. Sul serio. Amo mio padre, c’erano alcuni bei ricordi con lui, ma in realtà non è un buon genitore. E lo sa nel profondo, ma non lo ammetterà mai. Non potrei mai andare da lui per nulla quando ne avevo assolutamente bisogno. Ha amplificato quanto mia madre e mia nonna sono state lì per me.

Idk, comunque, mia madre ha fatto così tanto per me che non riesco nemmeno a scriverlo completamente. Renderebbe questa voce ancora più lunga, cosa che sto cercando di astenermi dal fare in primo luogo.

Mi sono sentito molto grato per lei. E… idk… ci sono alcune cose per cui voglio essere arrabbiato ma non ne vedo nemmeno più il senso onestamente. Forse dovrei scriverlo e pensarci. Ancora una volta, idiota.

Ho chiamato mia nonna il giorno dopo e le ho detto e ovviamente ha dovuto fare una battuta: “wow, beh, almeno sai cosa c’è che non va in te. Voglio dire, sei sempre stata intelligente, quindi ecco. non come gli altri autistici! Abbiamo molti matti in questa famiglia, sai?!”

Non voleva essere scortese. La mia famiglia usa la commedia per affrontare i traumi. E ovviamente non è politicamente corretto né appropriato ai giorni nostri. Non mi sono offeso, ma ovviamente ho continuato a ringraziarla per tutto ciò che ha fatto per me. Tutti i lavori che ho lasciato, lei era lì. Mi ha aiutato a pagare il mio esame CPC subito dopo aver lasciato uno dei miei dannati lavori di VT. Non avevo soldi e nessuna energia per ottenerlo. Non volevo trovare un altro lavoro. Devo così tanto a mia madre e mia nonna. E gliel’ho detto come tali.

Ero così emozionato al riguardo perché le persone nello spettro, lottano davvero con il mantenimento di un lavoro, con l’essere se stesse, con la sola esistenza … e hanno membri della famiglia che non supportano in ogni modo. Persone che non credono nemmeno di avere ASD in primo luogo perché non sono uno stereotipo.

Tanto posso continuare a dire ma non lo farò. Idk, immagino che la mia diagnosi mi abbia messo le cose in prospettiva. Per lasciar andare alcuni rancori e apprezzare le cose reali? Vedere oltre il dramma e apprezzare la verità nel profondo? Ma allo stesso tempo, non voglio respingere le mie stesse emozioni? idiota. Sto ancora pensando a quei sentimenti. Niente è veramente cambiato in un certo senso; qualcosa è stato appena confermato per così dire.

In entrambi i casi. Dovevo solo mettere giù questi pensieri. Volevo mantenerlo conciso e spero di averlo fatto.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s